Make your own free website on Tripod.com

MARTEDI POMERIGGIO, VISITA A CASTELBESENO  24 maggio 2004

 
ENIO HOME PAGE

Finita la visita al Castello del Buonconsiglio, si va a fare un breve spuntino alla trattoria " La Grotta " senza andare a casa perchè quest'oggi è in programma una visita a Besenello(TN) per arrampicarci a piedi sulla collina che ospita il CastelBeseno uno dei manieri più grossi, per estensione del Trentino. Alle 16 siamo nei pressi della porta principale. Entriamo e ci rechiamo nel prato sottostante il castello, dove si effettuavano i rodei che venivano applauditi dalle mura merlate del castello. La vista è eccezionale dovunque si giri lo sguardo, giù in basso la valle che si estende a perdita

d'occhio fino a Rovereto, verso sud e verso nord fino a Trento che dista una decina di chilometri La valle è solcata dal fiume Adige. Ci inerpichiamo ancora più sù e siamo dentro il Castello nella piazza Grande.

E' già da un anno che c'è la mostra delle armi antiche e ci si può deliziare nell'osservare la perfetta conservazione di questi oggetti. Disposti ordinatamente nelle bacheche, Alabarde di svariate forme e grandezza, spade, armature e fucili che raccontano la storia e l'evoluzione delle armi fino al periodo medievale. In una stanza addirittura " è permesso toccare " e queste armi vengono imbracciate dai turisti che possono anche indossare i pesantissimi elmi in ferro o i bracciali in acciaio fino a diventare un cavaliere medievale pronto per un rodeo nell'arena.

Mamma la si può ammirare quì a fianco con addosso l'elmo in ferro e una giacca fatta di anelli d'acciaio, pesantissima, circa 15 chilogrammi. E' stata aiutata nella vestizione da un addetto alle armi del castello. La visita prosegue nelle altre stanze, in una, è rapprentata la battaglia di Calliano dove fu ucciso il comandante Sanseverino, la cui tomba è conservata nel duomo di Trento. C'è un pozzo profondissimo, dove i castellani attingevano l'acqua necessaria al loro sostentamento, un forno dove veniva cotto il pano che veniva ammassato e consumato all'interno del castello.La fortificazione occupa la sommità di una collina difficilmente espugnabile in quell'epoca. Ha una dimensione di ben duecento cinquanta metri fra un capo e l'altro delle mura.All'interno ci sono camminamenti e cortili di grande suggestione. Fu sede di importanti dinastie, a partire dai de Beseno che vi risiedettero nel 1100, ai conti Trap che furono proprietari del complesso dal 1470 al 1907. Adesso è di proprietà del comune di Trento ed è visitabile, restaurato, dal 1988.

Le foto scattate nel pomeriggio a CastelBeseno

 

 BACK ENIO HOME PAGE  MEETING DI REGGIO EMILIA